AS31 Sportswear è felice di dare il benvenuto al “nipote d’arte” Giancarlo Liberati

AS31 Sportswear è felice di dare il benvenuto al “nipote d’arte” Giancarlo Liberati

 Giancarlo Liberati nasce il 31 agosto 1995, in una vera e propria famiglia da corsa. E' nipote del leggendario Libero Liberati, indimenticato campione del mondo della classe 500 (motoGP) del 1957, e quindi figlio di Manrico Liberati, fondatore e capotecnico della scuderia "Liberati corse" che militò nei campionati italiani ed inglesi Formula 3 e Formula 3000 dagli anni 80' agli inizi degli anni 2000.

 

 

Da sempre appassionato di motori, in particolare di moto, muove i "primi passi" con una minicross all'età di 5 anni nella "pista di casa".

 

 

La sua carriera agonistica inizia con le Pit Bike- Motard nel 2009, dove correrà fino al 2014, in questa categoria raccoglie innumerevoli successi, che lo porteranno a diventare campione regionale nel 2013 e vice campione nel 2014.

 

Nel 2015 Giancarlo sale di categoria e passa al supermotard 450, categoria "solo asfalto", vincendo all'esordio il campionato regionale e arrivando secondo all'interregionale "Italia Trophy Cup" con una Honda crf450 gestita in casa.

 

Dal 2016 partecipa al campionato Italiano Supermoto.

Nell'ultima stagione (2019) ha ottenuto un 3° posto alla gara d'esordio, chiudendo il campionato al 5° posto assoluto.

 

 Sempre nella stessa stagione Giancarlo ha ricevuto la convocazione dalla FMI per rappresentare la Regione Lazio al prestigioso trofeo delle regioni.

 

Libero Liberati

La storia lo ricorda come l'uomo che negli anni '50 seppe riportare la Gilera sul tetto del mondo, interrompendo così l'inarrestabile ascesa, fino a quel momento, di piloti inglesi e dell'MV Agusta nella classe regina. Libero Liberati, un ragazzo di provincia e camionista presso l'acciaieria di Terni, sognava più di ogni altra cosa di poter correre in moto. Le condizioni economiche non sono sufficienti per finanziare l'impresa, scoraggiata perfino da un padre ostile. ma Libero, grazie alla sua passione inarrestabile, diviene presto l'emblema della città in cui vive, Terni ( e poi dell'Italia intera) che associa la sua inimitabile figura i sogni di una generazione segnata dalla guerra appena terminata: La moto affascina al tal punto da diventare il simbolo della rinascita e del progresso. E' infatti una colletta "paesana" il primo passo che permetterà a Libero di iniziare la tanto sospirata carriera di pilota con una Guzzi Dondolino. Sul circuito di Terni, detto il circuito d'acciaio per l'omonima acciaieria, Libero si allena duramente per poter debuttare nel mondiale nel migliore dei modi, senza che le proprie ambizioni di pilota vengano infrante. E nel 1957 il sogno si avverò con la conquista del titolo mondiale nella classe regina.
L'avvocato francesco Zerbi, oggi presidente onorario FIM & FMI scrisse di lui:
"Tra i tanti campioni del nostro motociclismo la figura di Libero Liberati si staglia nettamente, a prescindere dai suoi eclatanti successi e perchè l'uomo - soprattutto l'uomo - ha lasciato dentro di sé un ricordo indelebile".
 
 
"La stagione 2020, come sappiamo, ha stravolto un po' i piani in tutte le discipline sportive facendo slittare eventi, e costringendo molti atleti e Team all'inattività. Segnali di ripresa si presentano, e con essi si stabiliscono nuovi programmi e progetti. L'amicizia che mi lega da ormai circa 4 anni a Giancarlo, non poteva che sfociare in una scelta simile. Dopo il mio incidente durante gli Internazionali d'Italia nel 2017, Giancarlo è stato uno dei pochi "avversari" che ho continuato a sentire, e con cui nel tempo è nato un legame che ha sfondato le barriere della competitività. Prima che un atleta, è un ragazzo eccezionale e per questo voglio che AS31 Sportswear abbia nel suo vivaio rappresentanti come lui. Mi auguro che in un futuro non troppo anteriore si possa far crescere questa intesa e poter sostenere Giancarlo nelle sue attività agonistiche"

                                                                                                                   A. Sisti

                                                                                        Founder AS31 Sportswear

 


2 comments

  • Martina D.

    La moto è fantastica, con quel logo spacca di brutto! Complimenti!

  • Fabio S.

    Tanta stima, complimenti a Giancarlo per la bellissima storia e a suo nonno. Complimentissimi anche ad AS31 Sportswear che non ne sbaglia una, scegliendo sempre esempi di costanza e motivazione!

Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published